Amore 2.0: due cuori e un biglietto del treno

Amore a distanza VeroC’era una volta una cena a Dublino.

A questa cena erano stati invitati ragazzi di nazionalità diverse accomunati da un solo obiettivo: apprendere l’inglese e divertirsi tanto. A questa cena si mangiarono cose orrende, cucinate da ventenni alle prime armi, si beveva molto vino comprato da ventenni anche troppo esperti.

Si dissero molte cose quella sera, alcune comprensibili solo dagli innamorati, che non hanno bisogno di parole.

A quella cena era stato invitato un ragazzo tedesco e un giapponese. Nessuno dei due parlava una lingua diversa dalla sua. Non si sa come, strinsero amicizia e iniziarono a divertirsi. Complice l’alcol, l’allegria, la gioventù, a quella cena nessuno si sentiva lontano e nemmeno fuori posto.

Penso spesso a quei due ragazzi, se la politica fosse una cena di giovani interessati solo a vivere in armonia la parola guerra non esisterebbe. Ma torniamo a noi. Ho visto un tedesco e un giapponese parlare. Ho visto una finlandese sposare un marocchino,  e un napoletano innamorarsi di un’americana.

Non sappiamo se staranno insieme per sempre, ma sappiamo che ci stanno provando.

Proprio perché credo fermamente in quella cosa chiamata amore, che si scatena quando due persone si piacciono (cosa rara) e vanno nella stessa direzione ,che ho deciso di dedicare l’articolo di questo mese su Vero Salute agli amori a distanza intitolato “Due cuori e un biglietto del treno”. Che ci crediate oppure no, sappiate che si può.

Basta volerlo. Come tutto del resto!

Se volete conoscere la mia “ricetta” vi basterà comprare una copia del giornale! A proposito questo mese dopo appuntamento con un secondo articolo” Il coraggio di essere felici”. Insomma due piccioni con una fava, o meglio con un euro !

Mantova. PresentazionePrima di salutarvi volevo ringraziare Roberto Baldini e Roberta De Tomi per la loro gentilezza e l’entusiasmo contagioso che ha caratterizzato il nostro sabato mantovano. Non è facile organizzare un incontro fra scrittori e voi siete stati a dir poco perfetti!

Grazie anche alla Dott.ssa Anderloni, alla sociologa Masotto, alla Dott.ssa Silvia Cenci. E’ stato un piacere lavorare con voi per Vero Salute.

Grazie anche a Mirko Riboli per le magnifiche fotografie dell’evento.

Ci si vede a Bergamo il 15 novembre per un incontro dedicato alla questione giovani e lavoro e a Mantova il 30 ottobre alla Feltrinelli! Poi….ho in serbo alcune sorprese per i prossimi eventi, ma non posso dirvi tutto ora!

A presto!

Alessia

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...